L’azienda Il Pino e la Querce possiede circa 15 ”ettari” di vigneti, situati nella zona di produzione del Chianti Colli Senesi e del Chianti Classico.

Le varietà coltivate nei nostri vigneti sono diverse:

  1. Sangiovese;
  2. Merlot;
  3. Cabernet;
  4. Foglia tonda.

Le uve sono vinificate nella nostra cantina situata nei pressi del Castello di Orgiale a Castelnuovo Berardenga (SI).

DOC e DOCG

Prima di parlarvi delle caratteristiche di queste qualità di vino, facciamo una breve distinzione tra etichette DOC e DOCG.

Le regole che normano i vini a denominazione di origine sono raccolte nei disciplinari che definiscono gli standard qualitativi di produzione per i vini DOC e IGT, di produzione e imbottigliamento per i vini DOCG.

L’intenzione del legislatore, sia europeo che italiano, è stata quella di valorizzare le tipicità e di tutelare i consumatori rispetto a frodi e sofisticazioni.

Tra i provvedimenti più concreti a tutela dei consumatori ci sono una serie di specifiche indicazioni obbligatorie da includere in etichetta e l’obbligo di apporre su ogni bottiglia di vino DOC o DOCG uno speciale contrassegno stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, noto come “fascetta”, sul quale è impresso un codice alfa-numerico di tracciabilità.

Vini a Denominazione di Origine Controllata (DOC)

La classificazione DOC si riferisce a zone tradizionalmente vocate a dare vini di qualità che hanno mantenuto la classificazione IGT per almeno cinque anni. I vini DOC devono esprimere un carattere fortemente legato al territorio di coltivazione dell’uva e rispettare le prescrizioni del disciplinare di riferimento.

Vini a Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG)

La denominazione DOCG, invece, è riservata a tipologie di vini che hanno mantenuto, per almeno 10 anni, il titolo di vini DOC e che possono vantare un consolidato prestigio.

Il vino Sangiovese

Il vitigno Sangiovese ha origini molto antiche. Si hanno tracce di Sangiovese fin dal 1500, ma è quasi sicuro che la sua origine sia etrusca, in particolare sembra provenire dalla zona a nord del Tevere e a sud dell’Arno, da cui poi si sarebbe diffuso oltre l’Appenino, fino ad interessare le colline romagnole ed emilliane. L’origine del nome non è ancora certa, le ipotesi sono diverse: si parla dell’uva sangiovannina con riferimento alla sua maturazione, fino alla parola francese “joueller” dal latino “jugalis” cioè“fissare a dei sostegni”.
Il vitigno Sangiovese si presenta in due distinte tipologie: abbiamo il Sangiovese grosso, corrispondente ad alcune tipologie coltivati in Toscana, tra cui il Brunello ed il Prugnolo Gentile; un Sangiovese piccolo, a cui fanno riferimento la maggior parte delle verietà sia Toscane che dell’Emilia Romagna, tra cui il Morellino di Scansano. Il Sangiovese è un vino camaleontico, infatti le sue caratteristiche cambiano moltissimo in base alla tipologia di clima e dell’altitudice a cui viene coltivato.

La qualità del Merlot

Il vino Merlot è una delle tipologie di vino previste dalla denominazione Maremma Toscana DOC, una DOC della regione Toscana. Le denominazioni DOC prevedono al loro interno specifiche tipologie di vino, che si caratterizzano per la loro composizione, in particolare per i vitigni ammessi per la loro produzione, per le procedure di vinificazione e per le specifiche caratteristiche organolettiche del vino. I vitigni che rientrano nella composizione del vino Maremma Toscana DOC Merlot sono Merlot almeno per l’85%. Il colore tipico di questo vino è il Rosso rubino, intenso, con riflessi violacei o con riflessi granati. Il profilo olfattivo del vino Maremma Toscana DOC Merlot è tradizionalmente fruttato ed al palato risulta secco e pastoso.

Il nostro Cabernet

Il vino Maremma Toscana DOC Cabernet è una delle tipologie di vino previste dalla denominazione Maremma Toscana DOC. I vitigni che rientrano nella composizione del vino Maremma Toscana DOC Cabernet sono Cabernet Sauvignon e/o Cabernet lo sono almeno all’85%. Il colore classico è il rosso intenso ed il profilo olfattivo del vino Maremma Toscana DOC Cabernet è speziato, al palato sapido, secco e tannico.

Il vino di varietà a Foglia tonda

Il vitigno Foglia tonda era praticamente scomparso, ma è stato riscoperto di recente nella zona del Chianti. Le bacche nere del Foglia Tonda garantiscono ricchezza fenolica e buona acidità, che determina un’ottima potenzialità d’invecchiamento. Ad oggi, rimangono non più di 20 ettari di Foglia Tonda in tutta la Toscana!

Le uve del Foglia Tonda sono apprezzate per la loro pigmentazione profonda e la spinta cromatica che apportano ai vini. Il Foglia Tonda è inoltre una tipologia di complemento particolarmente utile al vino Sangiovese.

Il Pino e la Querce è una società agricola fondata da Giulio e Lorenzo Lucci fratelli e soci in affari nel settembre 2013. L’ azienda ha sede a Lucignano piccolo borgo medioevale situato nella provincia di Arezzo a confine con quella di Siena. I vigneti si trovano, invece, nelle aree di produzione del chianti colli senesi e nella più rinomata e conosciuta zona del chianti classico. Scopri il nostro shop!

Add your comment